DOMANDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO, in forma giudiziale o consensuale, nel primo caso anche con eventuale richiesta di addebito ed affidamento esclusivo della prole.

Assegnazione della casa familiare.  Ogni qual volta dovrà essere depositato un ricorso per la separazione dei coniugi, o per la cessazione degli effetti civili del matrimonio, di concerto con la parte assistita, si valuteranno, per una maggiore efficacia della attività difensiva, la possibile violazione dei doveri coniugali e tutti gli aspetti economici correlati alla instaurazione del giudizio, con particolare attenzione ai profili fiscali. Ciò anche al fine di meglio pianificare l’affidamento condiviso, le richieste di mantenimento – mediante assegno periodico o in conto capitale – in favore del (o della) coniuge, in proprio e quale genitore affidatario o collocatario della prole. In occasione dei giudizi di separazione o divorzio potrà essere valutata l’opportunità di procedere, in chiave suppletiva o integrativa del possibile obbligo di mantenimento, a trasferimenti immobiliari in favore dell’altro coniuge oppure dei figli, fruendo dei vantaggi fiscali sanciti dall’art. 19 L. N° 74/1987.

MODIFICA DELLE CONDIZIONI PERSONALIE PATRIMONIALI STABILITE IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO.

Lo studio legale offre accurata assistenza a tutti coloro che intendano sollecitare la modifica del trattamento economico stabilito dall’Autorità giudiziaria in favore o a proprio carico, del regime di affidamento o collocamento della prole, oppure del diritto di visita. 

DOMANDE GIUDIZIALI DI SEPARAZIONE E DI DIVORZIO PER PROCURA

Lo studio legale ha curato con successo domande giudiziali di divorzio interposte per procura, nelle quali il Difensore ha di conseguenza assunto non soltanto la veste di difensore processuale, ma anche di rappresentante negoziale. Per tutti coloro i quali hanno interesse a proporre una causa di divorzio, senza tuttavia volere comparire innanzi al Tribunale, perché residenti all’estero, o più semplicemente per non volere presenziare con l’ex coniuge innanzi al Magistrato, lo studio legale curerà tutte le fasi del giudizio, e provvederà dapprima a predisporre il testo della procura alle liti e negoziale, curando altresì la fase di legalizzazione del documento, ove il firmatario risieda all’estero. 

GIUDIZI PER IL CATTIVO ESERCIZIO E PER LA DECADENZA DELLA POTESTA’ GENITORIALE, ex art. 316 c.c., 330 c.c. e 333 c.c.; ricorsi al Tribunale ex 709 ter c.p.c. per la risoluzione delle questioni concernenti modalità e inosservanza dell’affidamento, domande giudiziali per la regolamentazione degli obblighi genitorali ex art.  337 ter cc.  

SUCCESSIONI TESTAMENTARIE ED AB INTESTATO, azioni a tutela della quota di legittima, domanda di riduzione del testamento e petizione di eredità. Patto di famiglia ex art. 768 bis c.c. 

DENUNCE DI SUCCESSIONE, preventiva determinazione dei pesi fiscali gravanti su eredi e legatari.