PIGNORAMENTO IMMOBILIARE VALIDO ANCHE SE RIPORTA DATI CATASTALI ERRONEI

La Corte di Legittimità, nei rigettare un ricorso del debitore esecutato, riepiloga gli effetti dell’atto di pignoramento recante inesatta indicazione del bene staggito: l’errore non cagiona nullità dell’atto, e poi della incoata procedura esecutiva, allorquando l’errore non determini incertezza assoluta sul bene espropriato. Non sussiste siffatta incertezza, ove il CTU abbia prontamente rilevato l’errore, e sia emendata la perizia di stima e l’ordinanza di vendita (Cassazione Civile, sentenza 15 Settembre 2020, N° 19123).

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento